sabato 15 giugno 2013


Ceneri nel Vento

 Finalmente vedo Campogrosso libero da neve e la voglia di salire lì da qualche parte si fa sentire. La via scelta è Ceneri nel Vento che oltrepassa centralmente il Baffelan superando un repulsivo strapiombo nella parte alta del tracciato. I tiri di corda sono delle belle placche impegnative fino al sesto grado, anche se la roccia non è delle migliori, tant’è che anche tastando bene la roccia, si è levato un pezzo dove avevo il piede d’appoggio restando appeso con un braccio, per fortuna su presa buona e da primi di cordata non è mai bello. Poi si arriva al tetto strapiombante: da sotto fa veramente impressione, non viene subito la voglia di oltrepassarlo, pensavo che era meglio dare ascolto ai Rampegoni che consigliavano di uscire per la più facile Carugati o la Carlesso deviando alla cengia appena oltrepassata. Ma la voglia di passare con le staffe portate appositamente è più forte e con la pazienza del buon Stefano, impiego 40 minuti buoni per fare 25 metri ma con grande soddisfazione esco sopra lo strapiombo su sosta comoda con i sentimenti di chi ha conquistato un 8000. Stefano mi raggiunge velocemente smontando gran parte del mio ego così difficilmente conquistato, mi rendo conto che le staffe non sono il mio forte, comunque la via vale la pena di farla per questo tratto così adrenalinico. L’ultima parte me la devo ricordare a fatica solo per riportarli in questa traccia, rimossi quasi completamente per la pericolosità; l’ultimo tiro su 45 metri ho potuto assicurarmi solo su 3 punti saldi, uno dei quali era una fettuccia su una radice di mugo. Gli ultimi 10 metri mi sentivo come un gatto che vuole risalire uno scivolo per bambini, a gattoni tra erba e sassi in forte pendenza, poi finalmente la croce sommitale e, come un convertito, abbraccio la croce salda sulla roccia e mi assicuro su di essa in tutti i sensi con un ringraziamento. Quando qualcuno parlerà di friabile d’ora in poi avrò un nuovo riferimento: l’ultima parte della via Ceneri nel Vento.
 
Semper ad altum.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

grande silvan, hai detto bene, l'ultimo tiro era proprio da paura.... nel complesso bella via con bella linea, grazie per aver fatto da capocordata i tiri più difficili (non solo come grado). Quanto al tiro in staffe per forza sono andato bene, per starti dietro sono abituato a tirarmi sui chiodi....:-) alla prox salutoni
stefano

Silvan Sassetti ha detto...

Esagerato, per me é stato il massimo farla con te, quella via potevo farla solo con te. Alla prox

Andrea ha detto...

Grandi ragazzi.....!!!! Sempre più forti qua!!!!

Posta un commento